header
Inizio |  Bio |  Discografia |  Live |  Foto |  Strumenti |  Media |  Negozio |  Extra |  Contatti |  Links |  Guestbook |  English | 
 
Scheda Alter Bridge
FEBBRAIO MARZO APRILE MAGGIO 2012

A cura di Giovanni "Blackbird" Salati

Dopo aver trattato i CREED – vedere scheda immediatamente precedente – appare del tutto consequenziale occuparsi anche degli ALTER BRIDGE: una “vicinanza”, questa, non certo casuale in quanto band – gli A.B. , per l’appunto - nata – a ridosso del successivamente rientrato scioglimento proprio dei Creed nel 2004 – dall’unione del chitarrista ritmico e soprattutto cantante Myles Kennedy (ex-The Mayfield Four ed attualmente anche parte della band solista di Slash) con il chitarrista Mark Tremonti, il bassista Brian Marshall ed il batterista Scott Phillips.

Accompagnato da riscontri di critica contrastanti, il debutto del gruppo – “One Day Remains” del 2004 – ne resta comunque il piu’ commercialmente fortunato, seguito – cronologicamente – da “Blackbird” del 2007 e “AB III” del 2010.

Il loro primo disco dal vivo – “Live From Amsterdam” – e’ stato immesso sul mercato nel 2011 seguito, nel 2012, da “Live At Wembley”.

Nonostante un livello di popolarita’ sensibilmente inferiore a quello raggiunto dai Creed, gli A.B. possono comunque contare – anche sulla scorta di un’intensa attivita’ live – su una solida e fedele fan base la quale, con modalita’ differenti, riesce anche districarsi tra le mille attivita’ collaterali dei vari membri del gruppo (tra le altre: materiale solista, lavoro in studio e come session men, i Creed, Slash solista, gli ex-membri dei Led Zeppelin, etc …).

Visto l’allora presumibilmente non reversibile scioglimento dei Creed, Tremonti, Marshall e Phillips – estimatori del lavoro del Jeff Buckley-iano/Robert Plant-iano/Bon Scott-iano Myles Kennedy con i Mayfield Four – lo invitano a dare vita – con loro, per l’appunto – agli A.B. il cui debutto – uscito nel corso del mese di agosto del 2004, prodotto da Ben Grosse (Filter, Fuel, Sevendust, etc …) e trainato dai singoli “Open Your Eyes”, “Find The Real” e “Broken Wings” – si attesta non molto al di sotto del milione di copie vendute.

Un altro pezzo dal medesimo album – “Metalingus” – viene adottato dal wrestler Edge (WWE), fino alla fine della propria carriera (2011), come proprio “inno” mentre l’anno successivo – il 2005 – vede l’uscita del pezzo "Ahavo Rabo Taco Salad" (rivista Total Guitar), della canzone “Save Me” (colonna sonora di “Elektra”), della traccia “Shed My Skin” (colonna sonora di “Fantastic Four”) e dell’EP europeo “Fan EP”.

Terminato un lungo tour promozionale ed ultimata la composizione del nuovo materiale necessario, i Nostri immettono sul mercato – siamo nel 2007 – il proprio secondo sforzo sulla lunga distanza – “Blackbird” – i cui punti di forza vanno individuati nella popolare “Rise Today”, nell’efficace “Watch Over You” (nel Regno Unito ne e’ disponibile una versione con Cristina Scabbia dei Lacuna Coil) e nella valida title-track (giustamente apprezzatissimo l’assolo di chitarra).

Promosso da una nuovamente estesa tournee promozionale, “B.” offre a Kennedy – nonostante le voci di una reunion dei Led Zeppelin con lo stesso Myles alla voce e Jason Bonham (figlio dell’indimenticabile John “Bonzo” – Bonham, Led. Zep. Experience, etc …) alla batteria non abbiano mai goduto di solide basi di credibilita’ – la comunque importante opportunita’ di provare in studio e di scrivere materiale proprio con il medesimo Bonham e con gli “ex-Dirigibile” Jimmy Page e John Paul Jones.

In ogni caso, né la reunion dei Creed, da un lato, ne’ i sopraggiunti impegni di Kennedy con Slash, dall’altro, ostacolano la carriera degli A.B. i quali, tra ottobre e novembre del 2010, immettono sul mercato il terzo capitolo della propria storia – “AB III” – che, a sua volta, trainato dai singoli “Isolation”, “I Know It Hurts”, “Ghost Of Days Gone By” e “Wonderful Life” nonché forte di un sound indubbiamente piu’ “scuro” rispetto a quanto realizzato fino a quel momento, ottiene ottimi riscontri di critica.

Coinvolti – come gia’ evidenziato – sia con i Creed (Tremonti, Marshall, Phillips) che con Slash (Kennedy), i membri degli A.B. non riescono davvero a starsene con le mani in mano: tanto Tremonti che Kennedy hanno in programma album solisti; materiale degli A.B. (nuovo e/o b-sides) dovrebbe essere immesso sul mercato non prima della fine del 2012; Phillips ha dato vita – con membri di Sevendust e Submersed – ai Projected.

Caratterizzati tanto da testi sia riflessivo-intimisti (in una prima fase) che riflessivo-filosofici (“AB III”) quanto da indiscusse capacita’ live, gli A.B. – come facilmente intuibile – vanno certamente annoverati nell’ambito della scena post-grunge differenziandosene pero’ parzialmente alla luce di un certo tasso di complessita’ “vagamente prog” e di una certa “pesantezza complessiva” ai limiti dell’heavy.

Discografia
2004 – ONE DAY REMAINS –
2007 – BLACKBIRD –
2010 –AB III –
 
DISCOGRAFIA IN STUDIO DI MYLES KENNEDY (EXTRA-A.B.)
  • COSMIC DUST – JOURNEY – 1991 -
  • CITIZEN SWING – CURE ME WITH THE GROOVE – 1993 -
  • DEEP DOWN – 1995 –
  • THE MAYFIELD FOUR – MOTION – 1997 -
  • FALLOUT – 1998 -
  • SECOND SKIN – 2001 –
  • SLASH – APOCALYPTIC LOVE – 2012 -


INOLTRE:

Audizioni con i velver revolver 2002-2003
Collaborazioni con gli ex-Led Zeppelin 2008-2009
Da lì in poi: collaborazioni, tra gli altri, con Fozzy e Sevendust.


Kennedy, in questo 2012, ha poi cantato – con Nels Cline degli Wilco – la canzone “dreamer” per l’album “great gypsy soul”: disco di tributo a Tommy Bolin (solo, patch of blue, zephyr, energy, james gang, billy cobham, alphonse mouzon, moxy, deep purple - tra gli altri ospiti: Steve Lukather, Joe bBonamassa, Peter Frampton, Glenn Hughes)
 
Tutte le copertine e le foto sono di proprietà dei rispettivi proprietari. Tutto il resto
© 2019 markopavic.com
 |  Cookie policy