header
Inizio |  Bio |  Discografia |  Live |  Foto |  Strumenti |  Media |  Negozio |  Extra |  Contatti |  Links |  Guestbook |  English | 
 
Scheda Skid Row
dicembre 2005-gennaio 2006-febbraio 2006

A cura di Giovanni "Youth Gone Wild" Salati

Uno degli ultimi gruppi della scena "hair-metal" degli anni '80, a godere di un ragguardevole successo prima dell'arrivo distruttivo del ciclone "giunge-alternative", gli statunitensi Skid Row nascono nel 1986 nello stato atlantico del New Jersey per opera di Dave "The Snake" Sabo (chitarra) e Rachel Bolan (basso), completano la loro formazione con l'arrivo, nell'autunno del 1987, di Sebastian Bach (voce), Scotti Hill (chitarra) e Rob Affuso (batteria). Un'intensa attività live ed un legame di amicizia fra Sabo e Jon Bon Jovi agevolano i Nostri nell'ottenimento del loro primo contratto discografico, nel 1988, al quale, nel 1989, segue l'uscita del debutto "Skid Row".

Prodotto da un dei "Re Mida" dell'epoca come Michael Wagener, adattissimo ai tempi, ottimo in sé e non certo danneggiato dall'immagine belloccia di Sebastian Bach, "Skid Row", che definire vendutissimo è dire poco, si configura come un validissimo album di "hair metal", decisamente ispirato e dedito ad una felice commistione fra Bon Jovi, Def Leppard e Ratt, il tutto, però, in chiave più diretta ed aggressiva.

Il medesimo 1989, vero anno d'oro dei Nostri, vedrà poi la band fare da supporto ai Bon Jovi negli Stati Uniti, ai Motley Crue in Europa e partecipare, in compagnia, fra gli altri, di Ozzy Osbourne, Scorpions, Motley Crue, Bon Jovi e Cinderella, al "Moscow Music Peace Festival". Non mancano però segnali come minimo non pienamente positivi: i Nostri, infatti, non si riveleranno mai astutissimi nella gestione delle royalties di loro spettanza, dovranno fare i conti con la personalità difficilmente gestibile di Sebastian Bach e si ritroveranno nel bel mezzo di non poche controversie legali allorché il medesimo Bach, in sede live, esibirà, per esempio, una t-shirt recante la scritta "Aids Kills Faggots Dead" ("L'Aids Ammazza I Froci"-traduzione letterale, n.d.G.S.). Al 1991 risale il successivo "Slave To The Grind" che, pur debuttando al primo posto della classifica di "Billboard" (evento non ceto da poco per un album di hard rock), non otterrà il successo del proprio predecessore, nonostante prestazioni canore di Bach certamente ottimali ma complice una durezza sonora complessiva sia di sicuro notevolmente aumentata/chiaramente inaspettata, sia non sempre egregiamente gestita: il tutto, anche, all'insegna di una eccessiva voglia di distanziarsi, "quasi programmaticamente" ed in nome della ricerca di una "maggiore credibilità" attraverso una maggiore pesantezza della propria proposta musicale (argomento quantomeno discutibile), dalla scena "hair-metal".

Nel 1992 i Nostri immettono sul mercato la raccolta "B-Side Ourselves" (covers di Ramones, Judas Priest, Kiss, etc…), mentre nel 1995, ormai in piena era alternative (tra l'altro, per un brevissimo periodo nel corso degli anni '80, i Nirvana avevano usato il nome Skid Row…) esce il durissimo e "dissonante" "Subhuman Race" che però, accentuando i difetti di "S.T.T.G.", non ne gode degli aspetti positivi, portando addirittura i Nostri, complice anche un Bach sempre meno gestibile, allo scioglimento, seguito a sua volta, nel 1998, dall'uscita della raccolta "40 Seasons.The Best Of". Riformatisi nel 2000 con Johnny Solinger alla voce, gli Skid Row supportano i Kiss nell'ambito del loro (=dei Kiss) "Farewell Tour", dando poi alle stampe, nel 2003, un deludentissimo e "pseudo-Manson-eggiante" "Thicksin".

Discografia
1989-Skid Row-
Disco splendido. Un pezzo più bello dell'altro per una delle pietre miliari dell' "hair metal" degli anni '80. Su tutte, l'inno generazionale "Youth Gone Wild" e la power ballad "18 And Life".
1991-Slave To The Grind-
Valido successore ma non certo stellare. "Monkey Business" e la "title-track" non prendono prigionieri. Ottima la prestazione vocale di Bach su "Quicksand Jesus" e "Wasted Time".
1992-B Side Ourselves-
Raccolta con covers varie.
1995-Subhuman Race-
I difetti di "S.T.T.G" ma senza i pregi. Come minimo interlocutorio.
1998-40 Seasons.The Best Of-
Il titolo dice tutto.
2003-Thickskin-
Il nuovo cantante Johnny Solinger non è affatto malaccio ma mancano ispirazione e convinzione. Gli Skid Row "Manson-izzati" fanno un buco nell'acqua.

Alcune compilations nelle quali sono presenti gli Skid Row:

1989-Stairway To Heaven Highway To Hell-
1991-Atantic Rock 'n' Roll-
2000-Monster Madness-
2000-Glam Metal Noize-
2000-Naughty Platinum Rock-

E Sebastian Bach?

Già con Herrenvolk, Madame X, V05 e Kidd Wikkid, Sebastian Bach, dopo la fine degli Skid Row, si è imbarcato in una carriera solista non esattamente di clamoroso successo i cui momenti salienti, dopo una collaborazione estemporanea con l'ex-Breeder Kelly Deal ed il tentativo con i The Last Hard Men (alla batteria l'ex-Smashing Pumpkins, poi morto causa eroina, Jimmy Chamberlain), vanno individuati in un progetto solista tutto sommato non fondamentalissimo e nel ruolo da protagonista nel musical "Broadway-iano" "Jackyll and Hide".

 
© 2019 markopavic.com  |  Cookie policy