header
Inizio |  Bio |  Discografia |  Live |  Foto |  Strumenti |  Media |  Negozio |  Extra |  Contatti |  Links |  Guestbook |  English | 
 
Scheda Stryper
Giugno, Luglio, Agosto 2007

A cura di Giovanni "To Hell With The Devil/Soldier Under Command" Salati

L'universo hard'n'heavy, anche per un certo suo tasso di "predisposizione propria", è stato molto più spesso associato con il "Diavolo" e con il "Male" piuttosto che con "Dio" ed il "Bene", ma, ciò nonostante, alcuni gruppi hanno preso la direzione opposta, facendo della loro fede cristiana (evangelico-protestante, si badi bene, e NON cattolica) il proprio marchio di fabbrica. Fra essi, prima di tutto, gli Stryper.

I Nostri si formano ad Orange County, California, nel 1983 con il nome di Roxx Regime: Michael Sweet è alla voce ed alla chitarra ritmica, il fratello Robert è alla batteria, Oz Fox si occupa della chitarra solista e Timothy Gaines del basso.

Covertitisi al cristianesimo miltante, in quanto influenzati dalle "gesta" del tele-predicatore Jimmy Swaggart (peraltro, sbertucciato da cima a fondo da Ozzy nella sua "Miracle Man", tratta da "No Rest For The Wicked" del 1988), gli Stryper giungono ad adottare il nome in questione su idea di Gaines che vede in esso sia l'acronimo di "Salvation Through Redemption Yielding Peace Encouragement and Righteousness" sia una citazione di Isaia 53:5 (Bibbia di Re Giacomo): "…but He was wounded for our transgressions, He was bruised for our iniquities: the chastisement of our peace was upon Him and with His STRIPES (maiuscolo di G.S.) we are healed".

La band si dedica ad un hard 'n' heavy ottantiano ultramelodico e decisamente interessante dal punto vista tecnico-esecutivo, arricchito, inoltre, da efficaci ballate iper-zuccherose, "completi d'ordinanza" a strisce gialle e nere e lancio di bibbie sul pubblico alla fine dei concerti. Nel 1984, il gruppo debutta con il mini-lp THE YELLOW AND BLACK ATTACK. Il responso del pubblico è indubbiamente incoraggiante, le ventimila copie stampate vengono vendute molto velocemente, e fa da apripista per il debutto sulla lunga distanza uscito, a sua volta, nel 1985 ed intitolato SOLDIERS UNDER COMMAND.

Onde promuoverlo, i Nostri vanno in tour con Ratt e Bon Jovi, dando adito alle prime controversie al loro riguardo (non saranno, queste, di certo le ultime…): gli Styper, quindi, non sono una band in tutto e per tutto cristiana, visto che "si accompagnano" con esponenti tutt'altro che morigerati (Ratt soprattutto) dell'allora scena hair metal? S.U.C., in ogni caso, entra nella classifica di Billboard, vende oltre mezzo milione di copie, viene certificato come disco d'oro, e spinge alla ripubblicazione di TYABA nel 1986 (con due pezzi nuovi in più ed una nuova veste grafica).

Sempre nel 1986, il gruppo immette sul mercato quello che dai più è considerato come il miglior capitolo della loro storia: TO HELL WITH THE DEVIL. L'album sfiora l'ingresso nella top 30 pop statunitense, rimane comunque tre mesi in classifica, vende oltre due milioni di copie, viene certificato come disco di platino, entra negli annali come primo disco in assoluto di musica contemporanea cristiana (metal o meno), a raggiungere un simile risultato e, con i video realizzati per le trascinanti title-track e "Free", l'accattivante "Calling On You" e la dolcissima ballad "Honestly" (che raggiungerà il 32esimo posto nella classifica generale pop statunitense) vengono ripetutamente trasmessi da MTV.

Gaines non ha partecipato alle registrazioni dell'album, rimpiazzato prima da Matt Hurich (che però resta per un solo mese, unendosi poi agli street hard rockers Leatherwolf) e poi da Brad Crobb, ma rientra in formazione per il relativo tour mondiale promozionale, culminato in una peraltro non trionfalissima esibizione al Dinamo Open Air Festival di Eindhoven (Paesi Bassi) nel 1987 (L'Europa non sarà mai molto recettiva nei loro confronti delle loro proposta musicale). Tralasciando la diversità del loro messaggio, lo stile dei Nostri è perfettamente in linea con l' "hair metal mainstream" dell'epoca ed anche il successivo IN GOD WE TRUST , uscito nel 1988, riscuoterà un buon successo, otterrà lo status di disco d'oro, rimarrà per cinque settimane nelle classifiche di Billboard e il singolo "Always There For You" fa capolino nelle classifiche pop. Probabilmente il disco più radiofonico-commerciale ed iper-prodotto mai realizzato dal gruppo, IGWT sposta anche l'immagine della band su un versante sempre più vicino al glam-metal allora in auge provocando alcune perplessità.

Tim Gaines, nuovamente "assente" al momento di registrare l'album e nuovamente sostituito da Brad Crobb, rientra in formazione per il relativo tour promozionale di un disco che, agli Oscar delle musica cristiana, i GMA-Gospel Music Awards, vince il primo premio per miglior album hard rock e miglior canzone hard rock. Sarà, però, l'album del 1990, AGAINST THE LAW, a sorprendere non poco non pochi: il sound è molto meno "leccato" e molto più hard'n'bluesy che in passato, è assente qualsivoglia riferimento religioso ed anche l'immagine dei Nostri è ora molto più orientata in senso classicamente hard rock. Robert Sweet spiegò i cambiamenti di cui appena sopra come risposta a chi aveva attaccato il gruppo a causa del sound "troppo melodico" del disco precedente ma è probabile che, fra i ranghi degli Stryper, fosse subentrata anche una certa delusone nei confronti di alcuni settori alcuni della scena cristiana, ritenuti dai Nostri eccessivamente critici nei loro giudizi rispetto all'operato della band (vedi Ulteriori Curiosità).

ATL disorienta i fan, anche a causa di coeve voci relative a comportamenti poco cristiani dei membri della band, ma la qualità musicale del disco, che, però, vende molto meno dei predecessori, è indubbiamente alta, a cominciare da un tanto riuscita quanto inaspettata cover di "Shining Star" degli Earth Wind And Fire (1975). Scelto questo pezzo come singolo apripista per l'album in questione, il relativo video non godrà però, stavolta, dei favori di MTV.

Il "Greatest Hits" CAN'T STOP THE ROCK esce, poi, nel 1991 ed include anche due pezzi nuovi, uno dei quali, "Believe", ispirato alla guerra del Golfo. Ad aprire, di li'a poco, un'era di chiari cambiamenti è Michael Sweet, il quale, nel febbraio del 1992, opta per la carriera solista, e, con l'avvio della stagione nefasta del grunge-alternative, la band si scioglie nel corso del medesimo anno. Pur non certo raggiungendo i livelli di quello effettuato con gli Stryper, il percorso solista del primo dei fratelli Sweet gode però di un buon successo all'interno del panorama musicale cristiano e gli album "MS" del 1994, "Real" del 1995 e "Truth" del 2001 si pongono come tre adeguati esempi di quanto appena sostenuto.

Suo fratello Robert per parte sua, ma sempre all'interno del circuito cristiano, oltre a proseguire come session/studio man (King James, Dbeality, Final Axe, e The Seventh Power come alcuni fra i progetti ai quali ha preso parte), fa uscire il suo disco solista "Love Thrash" (metà anni 90) e realizza un album con i Blissed (nel 2002); mentre Fox e Gaines, formati i Sin Dizzy, hanno realizzato "He's Not Dead", opera rock dedicata alla crocifissione di Cristo (1998). La parziale riscoperta dell'hard 'n' heavy anni '80 avviatasi a patire dalla fase terminale della scorsa decade ha facilitato la re-immissione sul mercato del materiale della band ed a partire da un concerto dei Sin Dizzy, tenutosi nel 1999 a Puerto Rico e terminato, vista la partecipazione ad esso dei fratelli Sweet, con l'esecuzione di alcuni vecchi pezzi degli Stryper, non sono mancate le voci di una reunion.

A rinfocolare tali attese hanno poi anche contribuito tanto gli annuali "Stryper Expo", il primo dei quali ha avuto luogo nel 2000 nel New Jersey (seguito, l'anno dopo, da quello di Los Angeles), quanto un "test-tour di rientro" effettuato in Costa Rica (e tenutosi sempre nel corso del medesimo 2000). Nel 2003, viene immesso sul mercato il "Greatest Hits" "7: THE BEST OF STRYPER" (che include, peraltro, i nuovi pezzi "Something" e "For You"), con il relativo tour promozionale statunitense (36 date conclusesi a San Juan De Puerto Rico) documentato dal live "7 WEEKS: LIVE IN AMERICA 2004".

Sempre nel corso del medesimo 2004, Gaines esce definitivamente da una band ormai tornata sulle scene, rimpiazzato dal bassista del gruppo solista di Michael Sweet, Tracy Ferrie. L'anno dell'uscita di 7 WEEKS si conclude in maniera controversa: nel corso del mese di dicembre, infatti, era previsto un concerto degli Stryper, al Palacio De Los Deportes di Città Del Messico, accanto ad altri gruppi hard 'n' heavy di chiaro stampo cristiano (Saviour Machine, Narnia, Mortification…).

I Nostri però, adducendo come ragione della loro condotta la scarsa professionalità/esperienza del promoter, non partecipano all'evento ma, persa la seguente causa legale, si vedranno costretti a risarcire almeno parte di quanto precedentemente pattuito per il concerto in realtà mai effettuato. La band, tornando in tal modo alla "musica suonata", entra in studio agli inizi dell'anno 2005 nel corso del cui mese di agosto esce, poi, REBORN: il primo loro album interamente nuovo dopo 15 anni. Meno spazio per la chitarra solista e ritorno ai testi religiosi (già il titolo del disco, per esempio, parla chiaro…) come componenti salienti di una miscela sonora che fonde gli antichi fasti con una certa attenzione all'attuale "post-grunge hard rock" statunitense. Al 2006 risalgono, poi, sia i "Best Of/Greatest Hits" EXTENED VERSIONS e GREATEST HITS: LIVE IN PUERTO RICO, mentre nel corso del mese di luglio del 2007 sono stati immessi sul mercato i vecchi demo-tape dei Roxx Regime. Originariamente previsto per la primavera/estate del 2007, il successore di R è pero' stato rimandato a data da destinarsi, essendo Michael Sweet in questo momento impegnato a tempo pieno nell'assistenza a sua moglie Kyle, purtroppo colpita da un tumore.

Ulteriori curiosità

Gli Stryper sono stati certamente la prima band hard 'n' heavy apertamene cristiana ad aver avuto accesso e risonanza all'interno del ben più vasto mercato "pop/generico", statunitense e non solo.

La loro ballad "Honestly" è universalmente riconosciuta come delle più belle degli anni '80.

Il loro messaggio di religione e salvezza li ha resi popolari prima di tutto, ma, come si è visto, non solo, in ambito cristiano anche se una parte del loro mondo di provenienza li ha criticati per il genere musicale suonato ("quasi intrinsecamente" associato con il "Peccato" e con "Satana"), ed il tele-evangelista Jimmy Swaggart, pur loro "mentore" in fatto di conversione religiosa, ha definito il loro lanciare bibbie al pubblico in sede live come "dare perle ai porci".

La band ha venduto complessivamente circa 10 milioni di dischi, due terzi dei quali sono stati acquistati da persone NON definibili come "cristiani militanti".

Discografia
1984-THE YELLOW AND BLACK ATTACK-
1985-SOLDIERS UNDER COMMAND-
1986-TO HELL WITH THE DEVIL-
1988-IN GOD WE TRUST-
1990-AGAINST THE LAW-
1991-CAN'T STOP THE ROCK-
2003-7: THE BEST OF STRYPER-
2004-7 WEEKS: LIVE IN AMERICA-
2005-REBORN-
2006-EXTENDED VERSIONS-
2006-GREATEST HITS: LIVE IN PUERTO RICO
 
 
Tutte le copertine e le foto sono di proprietà dei rispettivi proprietari. Tutto il resto
© 2019 markopavic.com
 |  Cookie policy