header
Inizio |  Bio |  Discografia |  Live |  Foto |  Strumenti |  Media |  Negozio |  Extra |  Contatti |  Links |  Guestbook |  English | 
 
Scheda ZZ Top
Settembre-Ottobre-Novembre 2007

A cura di Giovanni "Sharp Dressed Eliminator" Salati

Dopo varie esperienze in differenziati gruppi della scena rock-blues e rock-psichedelica texana della fine degli anni '60 (su tutti, Moving Sidewalks ed American Blues), il batterista Frank Beard ed il chitarrista Billy Gibbons, unitisi al bassista Dusty Hill, danno vita, nel 1970, agli ZZ Top (altrimenti autoironicamente noti come "The Little Ol'Band From Texas"). Relativamente all'origine di un tale nome, si sono avvicendate varie ipotesi tra cui la sua derivazione da due marche di 'cartine' per sigarette ('Zig Zag' e ' Top') ed il suo essere un tributo al bluesman Z.Z. Hill.

In realtà, il tributo è a alla leggenda del blues B.B.King, il cui nome è stato mutato/adottato prima come Z.Z. King e poi come Z.Z. Top: il nome per un gruppo che, tra l'altro, farà dei doppi sensi e dell'umorismo i fondamenti dei propri testi. Nel 1971 esce il 'First Album', fortemente Rolling Stones-iano, mentre il successivo "Rio Grande Mud" è , invece, ricco di influssi Beatles-iani nelle armonie vocali. Il gruppo gode già di una chiara popolarità ed al loro concerto a Dallas, nell'ambito del relativo tour promozionale, assistono 10.000 persone.

"Tres Hombres" contiene il megahit hard'n'blues "La Grange" (basato su "Boogie Chillen" di John Lee Hooker e riferita al bordello al quale è stato anche dedicato il musical "The Best Little Whorehouse in Texas"), ed è sull'onda di un tale successo che il disco vende 3 milioni di copie, mentre è il seguente "Fandango" ad essere stato registrato metà dal vivo e metà in studio. Il tour promozionale del successivo "Tejas", caratterizzato dal motto "Portiamo il Texas alla gente", si segnala, poi, per la sua vena decisamente 'western'. Ad esso seguirà un periodo di pausa, dovuto tanto a problemi fra il gruppo e la sua casa discografica di allora (la London Rec.) quanto alla necessità dei Nostri di 'tirare un po' il fiato', dopo anni di intensa routine.

L'inizio della relazione fra ZZ Top e Warner Bros. segna anche l'inizio di una notevole svolta nel suono del gruppo e ciò all'insegna di fiati e sintetizzatori-sequencers non lontani da certa new wave: una vera e propria rarità nell'ambito del genere di provenienza dei Nostri.

In tal senso, sia "Deguello" (che, tra l'altro, include una efficace riproposizione di "Dust My Broom" di Elmore James) quanto il successivo "El Loco" aprono ad "Eliminator" il quale, unendo in maniera splendida gli appena menzionati spunti alla consolidata matrice dei Nostri (hard 'n' blues dagli influssi Beatles-iani e Rolling Stones-iani), rappresenta indubbiamente, tanto dal punto vista qualitativo che sotto il profilo delle vendite, l'apice della carriera del gruppo i cui due membri barbuti (mentre, ironia della sorte, è proprio Frank Beard-Barba in inglese-ad aver portato al massimo i baffi…), nel 1984, rifiuteranno, tra l'altro, un milione di dollari a testa offerti loro dalla compagnia di rasoi Gillette per rasarsi per suo un suo spot pubblicitario.

Singoli estremamente efficaci, come, su tutte, "Gimme All Your Lovin' ", "Sharp Dressed Man" e "Legs", per di più pubblicizzati da video irresistibili, con i Nostri spettatori più che interessati di un trio di ragazze supersexy a bordo di una ormai celeberrima Ford Coupe 3 rossa del 1933 recante il loco del gruppo (idem per le chiavi dell'autoveicolo in oggetto) intente ad aiutare i 'buoni' contro i 'cattivi', portano alle stelle il nome degli ZZ Top, uno status confermato dalla loro esibizione al Monsters Of Rock del 1985.

"Afterbruner", uscito il medesimo anno, prosegue ottimamente quanto avviato da "Eliminator" ed è a partire da questo momento che i Nostri si prendono 5 anni pausa per tornare, nel corso del 1990, prima come sé stessi con una breve apparizione in "Back To The Future/Ritorno Al Futuro 3" (pellicola alla cui colonna sonora partecipano, peraltro, con il brano "Doubleback") e poi immettendo sul mercato il molto valido "Recycler", disco caratterizzato tanto da una minore presenza dell'elemento "elettronico-sintetico", rispetto sia ad "E." che ad "A.", quanto da un successo commerciale che, pur non eguagliando quello dei due suddetti dischi, è comunque ragguardevole.

Tornati nel 1994, dopo aver 'introdotto' i Cream nella Rock And Roll Hall Of Fame nel 1993, dopo 4 anni di pausa (possibilmente legati anche al coevo affermarsi del nefasto ciclone grunge-alternativo) e forti di un contratto con la RCA, i Nostri 'virano in direzione anni '70' (pressoché totale scomparsa dell'elemento elettronico) con dischi non spettacolarmente validi ma certamente qualitativamente solidi , seppur, stando almeno ai loro 'Fanzz', non adeguatamente promossi/distribuiti ("Antenna", "Rhythmeen", "XXX", "Mescalero").

Nel corso del mese di luglio del 2000, con il gruppo in tour in Europa, a Hill viene diagnosticata l'epatite C, con conseguente cancellazione di non poche date fino a quel momento previste, cosa che, comunque, non ha tenuto la band lontana dal partecipare, con i brani "Mexican Blackbird" e "She's Just Killing Me", alla colonna sonora della pellicola di Robert Rodriguez, sceneggiata da Quentin Tarantino, "Dal Tramonto All'Alba". Nel 2003, l'impresario della RCA Clive Davis, sull'onda del successo di "Supernatural" di Santana del 1999, ha proposto ai Nostri la realizzazione di un 'album a più mani' con la partecipazione, fra gli altri, di Pink e della Dave Matthews Band.

Avendo i Nostri rifiutato tale proposta, il loro "Mescalero" è stato escluso dalla lista dei dischi da trattare con alta priorità. Uno dei pochissimi gruppi ad aver mantenuto la medesima formazione per oltre 30 anni (è, infatti, la medesima sin dall'inizio), i Nostri, il 15-3-2004, sono stati introdotti nella 'Rock And Roll Hall Of Fame" da Mick Jagger e Keith Richards e, nel corso della relativa cerimonia, il gruppo si è esibito suonando "La Grange" e "Tush". Il quindicesimo album in studio degli ZZ Top era previsto uscisse già nel corso del 2006 e, non essendosi ciò verificato, il gruppo, nel corso del mese di settembre del suddetto anno, si è separato sia dalla RCA che dal suo storico manager, Bill Ham. In ogni caso, i Nostri restano assolutamente fra i più importanti 'paladini' del blues: uno status plasticamente confermato allorché è stato fatto loro dono di un pezzo di legno tratto dalla modesta casa originaria del 'mega pezzo grosso' Muddy Waters (situata a Clarksdale, MS). Il gruppo ne ha tratto una chitarra speciale, la "Muddywood", e la ha venduta ad un'asta di beneficenza in favore del Museo del Blues del Delta.

Il 24 maggio 2007, gli ZZ Top sono stati omaggiati dai Nickelback (che ne hanno eseguito "Sharp Dressed Man") al secondo annuale VH1 Rock Honors, al quale hanno partecipato accanto ad Ozzy Osbourne, Genesis e Heart. Ad ulteriore testimonianza di un buon rapporto con i suddetti Nickelback, Billy Gibbons, tra l'altro, ha partecipato all'esecuzione dei pezzi "Follow You Home" e "Fight For All The Wrong Reasons" tratti dal loro album "All The Right Reasons". Nel corso dell'estate del 2007, la band, nonostante qualche problema alle orecchie di Dusty Hill, è stata in tour negli Stati Uniti ed il medesimo Hill, a maggio sempre di quest'anno, ha dichiarato che il prossimo lavoro in studio vedrà la luce a tour terminato e non appena il gruppo, attualmente con la Sanctuary Management, disporrà di un contratto discografico.

Discografia in studio
First Album (1971)
Rio Grande Mud (1972)
Tres Hombres (1973) Disco di Platino
Fandango! (1975) Disco d'Oro
Tejas (1976) Disco d'Oro
Deguello (1979) Disco d'Oro
El Loco (1981) Disco d'Oro
Eliminator (1983) Disco di Platino 10 volte
Afterburner (1985) Disco di Platino 5 volte
Recycler (1990) Disco di Platino
Antenna (1994) Disco di Platino
Rhythmeen (1996)
XXX (1999)
Mescalero (2003)
Discografia Best Of/Greatest Hits/Compilations
The Best of ZZ Top (1977)
The ZZ Top Six Pack (1987)
Greatest Hits (1992)
One Foot In The Blues (1994)
Chrome, Smoke And BBQ (2003)
Rancho Texicano (2004)
Singoli
  • Da "First Album" - Salt Lick
  • Da "Rio Grande Mud" - Francine
  • Da "Tres Hombres" - Waitin' For The Bus/Jesus Just Left Chicago - La Grange
  • Da "Fandango!" - Tush
  • Da "Tejas" - It's Only Love - Arrested For Driving While Blind
  • Da "Deguello" - Cheap Sunglasses - I'm Bad, I'm Nationwide - Thank You
  • Da "El Loco" - Leila - Tube Snake Boogie - Pearl Necklace
  • Da "Eliminator" - Got Me Under Pressure - Sharp Dressed Man - Gimme All Your Lovin' - TV Dinners - Legs
  • Da "Afterburner" - Sleepin' Bag - Woke Up With Wood - Velcro Fly - Stages - Rough Boy - Delirious
  • Da "Recycler" - My Head's In Mississippi - Doubleback - Concrete And Steel - Give It Up - Decision Or Collision
  • Da "Greatest Hits" - Viva Las Vegas (Elvis Presley Cover) - Gun Love
  • Da "Antenna" - Pincushion - Girl In A T Shirt - Fuzzbox Voodoo - Breakaway
  • Da "Rhythmeen" - What's Up With That - She's Just Killing Me - Rhythmeen - Bang Bang
  • Da "XXX" - Fearless Boogie
  • Da "Mescalero" - N.P.
 
Tutte le copertine e le foto sono di proprietà dei rispettivi proprietari. Tutto il resto
© 2019 markopavic.com
 |  Cookie policy